L’ingegneria naturalistica fa ampio uso di tessuti di origine sintetica o naturale. L’utilizzo di tali materiali può essere utile per consentire l’attecchimento della vegetazione. In linea di massima devono essere degradabili in un tempo relativamente contenuto, una volta terminato il loro ruolo.