Le opere in legname sono largamente utilizzate nell’ambito dell’ingegneria naturalistica.

Fra tutte la tecnica più conosciuta è quella della palificata a parete doppia. Si tratta di una tecnica che consente la costruzione di un vero e proprio muro verde utilizzando il legname per costruire un gabbione nel quale gli spazi vuoti vengono riempiti di terreno vegetale, mentre il fronte viene rivegetato con arbusti e talee di salice.

Il legname con il tempo tende a deteriorarsi (la durata della parte strutturale è di almeno 25 anni) ma parallelamente la vegetazione arbustiva e arborea si accresce, con l’apparato radicale consolida il terreno, sostituendosi col tempo alla stessa struttura iniziale.

I pregi di questa tecnica sono vari, innanzitutto dal punto di vista tecnico l’opera non pesa sul versante, inoltre vanno considerate la semplicità realizzativa, il costo contenuto, la facilità di trasporto dei materiali anche in zone impervie.

E’ necessario comunque sottolineare che questa struttura deve sempre essere dimensionata correttamente. Fra le altre opere in legname si possono ricordare le palizzate, le palificate a parete semplice, le canalette ecc…